Come ho trovato la forza per uscire da una pericolosa trappola

Pagina 1 su 3

Piccola premessa: desidero con questo articolo aiutare chi è in difficoltà, (o chi ha idee strane per la testa) a prendere coscienza e abbattere quella brutta bestia che è la droga.

 

Oggi si crede che fumare sia figo, che bere sia divertente, che drogarsi sia un passatempo diverso dalla solita noiosa routine. 

Ebbene ho parlato con molte persone e ho chiesto a chi fumava, “perché fumi, se sai che fa male e ti riduce gli anni di vita?” e la risposta era “perché fa figo”. Ho chiesto a chi beveva “perché bevi alcool se sai che ti fa male?” e mi rispondeva “perché così ammortizzo il dolore”. Ho chiesto a chi si drogava “perché ti distruggi la vita?” e mi sono risposta “perchè non so più cosa farmene”.

Durante la mia adolescenza, ero una ragazzina molto timida, amavo stare sola e soprattutto non volevo che nessuno mi notasse. C’è stato un periodo in particolare, dove stavo cedendo poco a poco, a tutte le influenze più negative che la società vuole imporci. Non credevo di essere carina o accettabile visivamente, perché mi hanno sempre vista e giudicata come una ragazzina strana e bruttina. Ormai ero abituata ai ragazzini che mi prendevano in giro sulle mie forme, e ad alcune ragazzine che mi guardavano con invidia solo perché ero brava a scuola e prendevo bei voti. Ormai ero abituata alla mia condizione familiare, che non era delle migliori. Purtroppo non posso parlare di una senza parlare dell’altra, perché che lo si voglia credere o no, la famiglia influisce molto sulla buona condotta del figlio. È necessario tenere presente che a prescindere da tutto, siamo noi i diretti responsabili delle nostre azioni. Per intenderci, la famiglia esercita una certa influenza sul figlio, ma poi è il figlio che deve seguire la propria coscienza. 

Quindi, quel periodo non era davvero molto tranquillo per me, perciò caddi in una trappola mortale. La droga. Tutto cominciò durante un viaggio all’ estero con altri miei compagni (cattive compagnie delle quali mi sbarazzai anche in fretta), che cominciarono ad offrirmi delle “droghe leggere”. Una volta che ci si droga, si perde completamente il lume della ragione, perché non pensi “ma cosa cazzo stai facendo”, tutto l’opposto “wow che figo, mi sento sballato ne voglio altra!”. Il ragionamento è davvero contorto, perché ovviamente manipolato. 

Così dalla “droga leggera” passai a quella pesante. Quell’unica volta, in cui feci uso della droga pesante, fu a causa di una persona a me vicina che non vedeva l’ora di vedermi in quello stato pietoso e patetico. Non do ovviamente tutte le colpe a quella persona (e non perché sono buonista), perché io potevo semplicemente tirargli un pugno in faccia e dirgli di no. Il pugno se lo meritava davvero. Chi ci tiene davvero a te, non ti invita a spaccarti il corpo e l’energia con la droga. Detto ciò, ricordo la sensazione di quando mi drogai pesantemente. Chi dice che è bellissimo, è davvero fatto e stracotto. In realtà, è la sensazione più brutta che si possa mai provare. Innanzitutto, c’è lo stordimento generale in cui non si capisce più niente, si parla a vanvera senza concludere una frase logica. Ci si sforza ma non si riesce. Poi, c’è una vera e propria botta, che è quella che ti dà il benvenuto all’inferno. 

Pagina 2 su 3

Ricordo ancora la sensazione nauseante di tristezza, di vuoto immenso e di morte. Drogarsi equivale, anzi è, un suicidio lento e masochista. Un atto malato, di chi non sa apprezzare la vita, o di chi non ha saputo reggere certi momenti. La droga NON è la via di uscita per i problemi. La soluzione c’è sempre, basta avere il coraggio di trovarla.

Ma come ho fatto ad uscire da questa brutta strada che avevo imboccato? Grazie ad Angel Jeanne e ai suoi insegnamenti esposti nel sito Accademia di Coscienza Dimensionale.

Grazie alla meditazione, ho potuto riprendere in mano la mia vita.  Leggendo un documento di Angel, capii che a prescindere da tutto avevo fatto la scelta giusta. Anzi da quel documento ho tratto molta forza per continuare nella mia scelta e non farmi influenzare da chi voleva ancora che io mi drogassi. Non mi doveva importare se i pensieri mi dicevano “vuoi meditare, vuoi perdere tempo dietro quelle cose inutili?” “Sarà tutto tempo perso! E poi, tutto quel tempo perso non potrai più recuperarlo per la cosa più figa, la droga!”. E poi, c’erano i pensieri che mi condannavano ad un’eterna sfigata che non avrebbe mai più avuto amici se avesse smesso di drogarsi. Sì come no. Perciò, grazie a quell’articolo, decisi di smettere di drogarmi, e non me ne sarebbe fregato nulla di quanto la strada sarebbe stata tosta ma dovevo almeno provarci. Dal giorno in cui decisi di smettere con la droga non ho avuto più ricadute, ma questo non perché ho fatto terapie per disintossicarmi (alias non ho fatto nessuna terapia dato che i miei non sapevano quello che stavo combinando) ma perché ho meditato. La meditazione cura e rinforza il nostro corpo, la nostra mente (curandoci da tutte le sofferenze che abbiamo subito) e la nostra Coscienza. Ho avuto alti e bassi, ma alla fine dopo aver visto con i miei occhi ciò di cui sono capaci le tecniche che Angel ci insegna per prendere le redini della nostra vita, mi decisi a fare sul serio per davvero. Ora è da un anno e mezzo che pratico Seriamente tutti i giorni la meditazione e le tecniche, e cosa è cambiato? È cambiato tutto in meglio. Ho abbandonato quella parte di famiglia che mi incitava ad usare sostanze (padre sotto psicofarmaci perché depresso cronico, zii tutti con fedina penale sporca) e ho migliorato e apprezzato maggiormente la parte della famiglia sana. Ho una madre e un patrigno che mi amano davvero, so che anche loro possono essere soggetti ad influenze negative e venirmi contro, ma quando decidi di aprire gli occhi e scoprire la Verità sulla realtà che ti circonda, tutto ti è più facile. 

Grazie alla meditazione e alle tecniche che sto imparando, sto modificando la mia vita, il mio passato, presente e futuro. Grazie alla pratica di questo percorso spirituale, ho diminuito di parecchio le ossessioni derivanti dalla droga e i danni che mi sono fatta. Fin quando non pratichi, tutto ti sembra astratto e impossibile, ma quando pratichi seriamente ti ricordi che tutto è possibile se lo vuoi davvero.

L’ Accademia di Coscienza Dimensionale rappresenta la possibilità del cambiamento che nella vita tutti aspettiamo di avere. 

È molto facile decidere di essere deboli, per poi lamentarsi con gli altri della vita che va a rotoli, mentre che non si fa niente per migliorarsi. Ma è molto più semplice decidere di essere forti. I pensieri potrebbero dirti che è impossibile essere forte. A me lo hanno detto un sacco di volte.

Pagina 3 su 3

 Puoi farti abbindolare da questi pensieri e continuare a disprezzarti, mancarti di rispetto, lamentarti oppure… puoi capire che anche tu hai la Forza dentro di te e che a maggior ragione non va sprecata ma utilizzata per farla diventare la colonna portante della tua vita.

Dagmar Jaroslavna

Questo documento è di proprietà di https://significato.online/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Significato.Online. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. © 

12+

2 Commenti

  1. Questo articolo mi ha emozionata tantissimo… dalle parole che hai scritto si sente che ne hai passate tante ma che hai trovato la forza di superare tutto e andare avanti, ti stimo molto! Sei una persona davvero in gamba, sono sicura che questo articolo aiuterà tante persone a riflettere sulla pericolosità di queste strade. Grazie mille!

  2. Questo articolo sarà molto utile a tutti coloro che hanno una mezza idea o che si sono avvicinati alla droga, sia per uscirne che per non toccarla mai più. Grazie per aver scritto questo articolo, spero che la droga scompaia sempre di più da questo pianeta, è la morte fatta sostanza chimica.

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome
Email
Sito Web

Vuoi aggiungere il tuo banner personalizzato? Scrivici a [email protected]