Prete in discoteca

Pagina 1 di 2

Il comportamento malato di un prete di paese.

Dal 2010 al 2012 nel mio paese abbiamo avuto un prete ai suoi primi anni di sacerdozio che ha creato scompiglio tra i cittadini e per questo è stato poco dopo trasferito in un paese limitrofo. Racconto l’accaduto:

Appena arrivato è stato accolto con molto piacere da tutti i cittadini poiché era giovane e molto socievole. Piano piano iniziò a frequentare delle famiglie che passavano molto tempo in chiesa (la pulivano ogni giorno, ascoltavano tutte le messe giornaliere ecc), tutti iniziammo a renderci conto di questo attaccamento morboso, dal caffè si è passati a pranzi e cene giornaliere. La cosa che creava più scandalo è che da queste case uscivano dicerie di ogni tipo su ogni cittadino e alla gente iniziò a dare fastidio. Sempre nello stesso periodo il prete usciva anche molto in giro e frequentava soprattutto due ragazzi. Queste uscite potevano sembrare innocue se non ché a distanza di mesi si viene a sapere della relazione intima con uno dei due, ma non è finita qui. Appena si seppe della relazione l’altro “amico”, una notte, ebbe l’idea di andare a casa di una delle famiglie bigotte e riempire la loro macchina di cacca umana come dispetto alla diceria appena venuta fuori. Poco dopo si venne a sapere che il prete avesse una relazione segreta con entrambi ed ecco il vero motivo di quel gesto. A seguito di ciò fu subito trasferito a fare sacerdozio in un altro paese.

Dopo questo scaldalo mi aspettavo che venisse scomunicato, invece semplicemente è stato mandato in un altro posto, spostato di chiesa, sapendo benissimo cosa altro sarebbe potuto accadere lasciandolo vicino a cittadini di ogni genere ed età.

Comunque da quel momento non avevo più sentito parlare di lui, né nel bene né nel male. Un giorno, anni dopo, esco con una mia amica e questa (abitava nel paese in cui lui faceva sacerdozio) mi raccontò che qualche fine settimana prima si era ritrovata in discoteca con il prete, di cui ho parlato fin ora, e ridendo mi racconta quanto fosse simpatico e quanto si fosse divertita in sua compagnia. Mi raccontò che si era ubriacato tantissimo (nonostante avesse preso la macchina e avesse la responsabilità di altri ragazzi più piccoli che lo seguivano da riaccompagnare a casa appena finita la serata), che faceva scherzi a tutti lanciando bicchieri in testa alla gente o rompendoli a terra. Io non sapevo se essere più schifata dal comportamento del prete stesso o dalla mia amica che rideva raccontando ciò. Poco dopo vedemmo proprio lui, appena uscito da messa, con la tonaca che salutava tutti e poi si avvicinò anche la mia amica proprio per salutarlo. Lei portava una collanina con il ciondolo di San Benedetto che cadeva sulla scollatura del seno. Appena lui la vide si precipitò a commentare “Beato San Benedetto, lo stai tenendo bello al caldo”. Lei rise, io ebbi un voltastomaco non indifferente e una repulsione nei suoi confronti tanto che avrei voluto prenderlo a schiaffi davanti a tutti! Ma come si era permesso?? Chiesi alla mia amica se avessero così tanta confidenza e perché non si era offesa a quella battuta, lei mi rispose che non avevano grande confidenza, si erano parlati soltanto alla serata in discoteca che mi aveva raccontato e la battuta le sembrava carina perché era fatta da un prete quindi non era stata detta sicuramente con malizia.

 

Pagina 2 di 2

Dopo questa risposta mi sono veramente resa conto dell’influenza negativa che la chiesa ha nei nostri confronti e di quanto ci manipoli facendoci percepire violenze, abusi, gesti malintenzionati come “leggeri”, di poca importanza e soprattutto che se fatti da preti devono essere perdonati perché loro sono “puri”. Mi ero resa conto del marcio che c’è all’interno della chiesa molto prima ma a seguito di questi avvenimenti ho rafforzato la mia idea e anzi, ho capito che ci sia molto peggio. Come posso andare a “confessarmi” da una persona che va di casa in casa a riferire i fatti di tutti i cittadini? Come posso fidarmi di uno che tiene due relazioni intime segrete con due giovani? E come si può mandare in discoteca i propri figli con un essere del genere? Solo perché ha il titolo di prete tutte le cazzate commesse crollano? E diventa magicamente innocente? Non credo funzioni in questo modo. Però ancora c’è troppa gente bigotta che crede nella chiesa e soprattutto nei preti che con un finto buonismo (un buonismo malato) ci conduce nell’abisso più totale, fatto da una società schiava, dove regna la violenza, la pedofilia. Se aprissimo gli occhi e iniziassimo a capire come funziona veramente questa istituzione OSCURA inizieremo a fare già grandi passi in avanti verso la vera evoluzione dell’umanità e l’acquisto della propria libertà.

 

Sabrina

Questo documento è di proprietà di https://significato.online/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Significato.Online. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
0

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome
Email
Sito Web

Vuoi aggiungere il tuo banner personalizzato? Scrivici a [email protected]