Il teatrino sul virus

Pagina 1 di 5

Cari ragazzi del futuro, scrivo questa sorta di lettera al fine di testimoniare i momenti salienti e di come sto vedendo e vivendo personalmente la cosa, dagli occhi di una giovane ragazza, nella speranza che voi stiate leggendo questo mentre lì ci sia un mondo migliore di quello attuale.

In questo momento ci troviamo a fine Luglio 2022, più di 2 anni dall’inizio della grande Farsa mondiale chiamata Coronavirus o più comunemente Covid. Sono sicura che ne avete sentito parlare più volte, ognuno racconta la propria versione di come ha vissuto questo periodo: chi ci ha creduto fermamente dall’inizio alla fine, chi prima ci credeva e poi si è svegliato ed infine chi non ha mai ceduto.

Ora io parlerò fiduciosa che nel vostro tempo il teatrino sul virus sia stato completamente smascherato, perché sono sicura che chi sta agendo Ora per migliorare le cose, dispone di un qualcosa di raro e prezioso che se lasciato Vivere ed Evolvere può davvero modellare gli eventi nel modo più positivo e se questo viene unito ad una forte determinazione della persona, allora non c’è oscurità che tenga. Detto questo, inizio!

 

IN GABBIA DA UN GIORNO ALL’ALTRO

Marzo 2020. Ricordo benissimo e mi stupisco tutt’ora della velocità in cui siano riusciti a chiudere tutta l’Italia nel giro di una notte, da un giorno all’altro ci siamo ritrovati chiusi dentro casa e privati della Libertà di uscire per fare qualsiasi cosa! Solo in pochissimi continuavano a svolgere le loro attività fregandosene delle nuove “regole”. Qui ovviamente le marionette di regime non tardavano a richiamarli come se fossero bestiame da dover rientrare nel recinto, aiutati dagli stessi cittadini pecoroni, divenuti ormai ipocondriaci irrecuperabili, assegnando loro il termine di “untori”. Iniziò la tartassante propaganda, sia in TV che sui social media; pubblicità che raccomandavano continuamente di disinfettarsi le mani, mantenere le distanze anche in casa con la propria famiglia e tante altre restrizioni dedite a spargere quanto più terrore possibile nella testa delle persone. Ricordo i falsi filmati trasmessi al telegiornale (la più grande fonte di stronzate) delle famose bare a Bergamo scortate dai carri armati, la gente che correva in stazione per tornare a casa dalle proprie famiglie prima che oddio chiudessero tutto ed accusando queste stesse persone di essere ulteriori untori! Ah no, il virus in Italia fu portato da dei turisti provenienti dalla Cina che scendendo dall’aereo, contagiarono tutti, i famosi “pazienti 0, 1, 2, 3 e stella”. Finsero di bloccare i voli dalla Cina così da evitare ulteriori contagi, in quanto i filmati recitati ovviamente, mostrati in tv della gente che moriva in ospedale in Cina, dimostrassero che il virus fosse scappato “per sbaglio” da lì… sì certo, come no! P.S. All’inizio vennero accusati anche i pipistrelli, i cinesi li mangiano e quindi boom, coronavirus!! Ahahah!

Pagina 2 di 5

LA DAD

All’inizio ero confusa, mi sono ritrovata da un giorno all’altro chiusa in casa, a “frequentare la scuola” virtualmente, nacque la Didattica a Distanza o per comodità, Dad. Questa fu una cosa che mi segnò particolarmente; non ho mai amato molte cose della scuola odierna ma nonostante tutto studiavo e riportavo discreti voti, non volevo di certo farmi bocciare e rimanere lì più tempo!! Eppure da quando ci vietarono di recarci nella vera classe e nacque tutto questo, è iniziato il mio declino scolastico, mi sentivo priva di voglia e motivazione nel continuare. D’altronde era un obiettivo: tramite la Dad dovevano isolare bambini e ragazzi e farli abituare ai compagni, maestri e professori “virtuali”. Grazie a Dio mi accorsi quasi subito della buffonata mondiale in quanto girando nel web sentii le parole di quei “pazzi negazionisti” che nonostante tutti attorno a me dicessero di non ascoltarli, di continuare a mettere la mascherina, non uscire ed abbassare la testa come una schiava, sentivo dentro di me che dicevano la verità e non ebbi più dubbi… qualcosa non quadrava!

 

LE NUOVE SS

Ricordo una sera in cui ero con mia madre vicino casa a portare i miei cani ed in quel momento era vietato uscire in compagnia e per più di tot metri lontano da casa, cioè se non è dittatura questa… ovviamente spacciata tutta per “prevenzione del contagio”. Ad un certo punto ci fermano due carabinieri furiosi alla nostra vista, scendono dall’auto urlandoci contro cosa stessimo facendo e presero i nostri nominativi dicendoci che ci sarebbe arrivata una bella multa a casa (non è mai arrivata, in quanto anticostituzionali, ma la minaccia serviva a spaventarci e accettare di stare rinchiuse in casa per paura delle multe). Ricordo bene che dissi loro che non avevano alcun diritto di comportarsi in quel modo e che a me sembravano dei soldatini obbedienti ai Dittatori e la loro reazione mi confermò la gravità della situazione mentale delle persone. Mi risposero ipnotizzati che una ragazza di 18 anni non doveva assolutamente ragionare così, che loro rappresentavano lo Stato e che dovevo sentirmi onorata solo al nominarlo, l’unico che ci può salvare e bla bla bla.

Oppure altri episodi in cui ero fuori con gruppi abbastanza ampi di miei amici, all’arrivo dei carabinieri tutti subito ad indossare la mascherina altrimenti sarebbero arrivate minacce tipo “ti portiamo via” e quant’altro. Non potevi neanche fissarli, da lì si vedeva l’arroganza che stavano acquisendo con quell’abuso di potere. Ricordo bene uno di loro che mi disse: “Signorina, perché mi fissa in quel modo? La smetta”, mentre gironzolavano con passo convinto a verificare che tutti indossassero la museruola.
Restammo chiusi fino a maggio circa, poi l’estate tutti tornarono ad uscire e stare insieme, solo uno dei tanti contentini dati alle pecorelle così poi da ricominciare ancora più forte l’inverno dando la colpa ai cittadini che l’estate sono stati “troppo a contatto” e quindi questo virus sia riesploso eccetera. Così fecero e la gente ci cascò completamente. Quindi nuovi lockdown, ma questa volta entrano in scena dei nuovi protagonisti…

Pagina 3 di 5

RIENTRO NELLE SCUOL..AH NO, CAMPI DI CONCENTRAMENTO

Ho detto di odiare la Dad ed è vero, non sopportavo l’idea di dover stare davanti al pc tutto quel tempo ed interagire in quel modo con gli altri. Il rientro a scuola però fu un vero trauma: mascherine tutto il tempo, rigorosamente tenute sempre sopra il naso e guai se si abbassavano di 1 cm!! Banchi divisi, vietato scambiare oggetti, vietato uscire a ricreazione tutti insieme, avevamo delle zone delimitate a classe!! Ora dico, scuola o campo di concentramento? Le SS tedesche in questo caso erano i professori che giravano accaniti pronti a sbranare qualcuno in caso avesse disobbedito a qualche “regola”. Se si manifestava anche il più stupido sintomo, subito venivi portato in una stanza in isolamento, in attesa di fare un tampone ed essere prelevato da un genitore, se tutto andava bene… roba da pazzi o forse nazisti!! Non volevo più neanche andarci a scuola, stare tutto quel tempo in quelle condizioni era estremamente nocivo, soprattutto per via delle mascherine. Mentalmente il danno peggiore lo fecero gli insegnanti, non ebbi la fortuna di averne neanche uno contro la farsa, anzi erano tutti profondamente terrorizzati e spingevano ancor più ansie agli studenti, qualcuna sosteneva che bisognasse sparare a vista a chi uscisse di casa se non per necessità come imponevano le restrizioni. In quel momento avrei dovuto mandare a quel paese la mia insegnante e uscire da quella prigione.

 

L’ITALIA COLORATA

Nuove leggi dittatoriali, l’Italia si divide in zone Gialle, Arancioni e Rosse, dalle più “libere” alle più “severe”. In zona rossa non potevi fare una ceppa praticamente, ma questi colori cambiavano continuamente senza fili di logica (e quando mai ci sono stati!!), neanche fosse una palla da discoteca!! Comunque sia per quanto mi riguarda, non sempre trovavi le SS a sorvegliare i confini, quindi molte volte ho preso mezzi e mi sono diretta comunque a fare le mie cose. Man mano la paura nelle persone calava e sempre meno rispettavano i colori, tranne i pecoroni irrecuperabili!

 

L’ARRIVO DI TAMPONI E VACCINI

Inizia il periodo più pesante e negativo di questa grande opera teatrale. I tamponi erano il mezzo divino secondo i quali se uscivi “positivo” eri malato anche senza sintomi e quindi un cane da sbattere in cella e chiudere per tot giorni e tutti ti evitavano manco fossi la peste bubbonica in persona. Vedevo le file immense nella mia città e dintorni per farsi infilare su per il naso quei bastoncini fastidiosi e dolorosissimi che io stupidamente ho fatto, sono stata costretta da delle “persone”, eppure riconosco che col senno di poi, avrei dovuto essere più imponente nel non volermelo fare… inutile dire che poi ho avuto sicuramente qualche danno interno! La gente continua tutt’ora a tamponarsi, anche se oramai hanno capito che si tratti di un raffreddore, eppure alcuni sono talmente irrecuperabili che continuano e si fanno anche le quarantene, a quanta stupidità siamo arrivati?

Per non parlare dei vaccini, in masse accorsero per il siero “miracoloso”!! Ovviamente tutto ha tranne che di miracoli, al rovescio semmai… gli effetti purtroppo li stiamo vedendo specialmente oggi con morti su morti di malori improvvisi, vittime anche giovani e bambini. Un vero e proprio piano di riduzione mondiale della popolazione, solo ora però se ne iniziano a rendere conto.

Pagina 4 di 5

Prima erano tutti inquietantemente ipnotizzati ed affamati di dosi nonostante ci fossero già prove della loro inefficacia e mancate promesse (come sempre) da parte del governo… niente da fare, l’ipocondria aveva raggiunto livelli cronici! Io non mi sono mai vaccinata e ho intenzione di continuare per questa strada, sono una di quelle persone etichettate come “no vax negazionista”. Ovviamente non mi importa e non mi importerà mai di questo, la mia Vita è più importante e grazie a Dio c’è gente che non ha mai ceduto!
Riporto in seguito testimonianze dirette di persone a me vicine danneggiate dal vaccino.

 

IL PROFESSORE STUPIDO

Una mattina come tante di quel periodo, stavo facendo lezione al pc con i miei compagni di scuola ed il prof di matematica ed ovviamente usciva sempre l’argomento covid, di come i miei compagni fossero spaventati ed i professori anche peggio, ricordandoci continuamente di farci tamponi, stare a casa e fare il vaccino… con sto paio di p****! Ad un certo punto, mentre spiegava dei calcoli si ferma e ci dice: “Comunque una cosa la devo dire, da quando mi sono vaccinato con AstraZeneca mi sento più stupido, più tardo, come se fossi più anestetizzato mentalmente”. Tutti i miei compagni ovviamente non volevano crederci, dicendo al mio prof che molto probabilmente era solo una coincidenza che questo stordimento fosse in concomitanza col vaccino… tutti tranne me! Infatti raccontai a più conoscenze poi di questo episodio e nessuno aveva il dubbio che fosse proprio il vaccino!

 

LA MIA AMICA ROVINATA PER SEMPRE

Una ragazza con la quale ho una bella amicizia da ormai diversi anni inizialmente non si è vaccinata perché appunto non ne sentiva la necessità e si rifiutava di farlo, questo fino a gennaio di quest’anno. Quando mi disse che si sarebbe vaccinata alla fine, perché d’improvviso divenuta una timorata del covid, (di questi strani ripensamenti ne ho visti troppi) la supplicai di non farlo, sia per la porcheria letale che è questo vaccino, sia perché lei già soffre di altri problemi a livello sanguigno. Fingevano ovviamente di tutelare i soggetti più fragili, infatti le persone ripetevano a pappagallo “tanto se non posso farlo me lo dice il dottore”, sì certo, i primi che sapevano perfettamente di mandarti al macello! Questa mia amica si vaccina e indovinate un po’? Una sindrome che le avevano diagnosticato ha iniziato a manifestarsi proprio dopo il vaccino! È stata ricoverata in ospedale con più flebo ed aghi conficcati nelle braccia per una grave emorragia interna! Ad oggi è stata dimessa ma adesso (e molto probabilmente per sempre) deve far venire un’infermiera 2 volte a settimana a casa sua per somministrarle un medicinale volto alla corretta coagulazione del sangue, altrimenti sono guai ovviamente! Lei ovviamente molto pentita alla fine mi dice: “Credevo che il vaccino mi avrebbe protetta dal virus, invece mi ha distrutta lui!”.

 

Pagina 5 di 5

Tutte queste persone sono state prese in giro, nessuna promessa è stata mantenuta, l’obiettivo è sempre stato solo quello di uccidere le persone e solo adesso lo stanno capendo!
Si vede che dal passato non si è imparato niente, eppure somiglia molto a ciò che è stato il nazismo, ma per via dell’ignoranza diffusa e cresciuta nelle ultime generazioni e questo nuovo tipo di pretesto, ovvero “per garantire la salute ed il BENE di tutti”, hanno fatto le peggio schifezze e la gente senza rendersene conto è caduta di nuovo nella trappola.

 

Melissa

Questo documento è di proprietà di https://significato.online/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Significato.Online. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©

 

 

 

 

 

 

 

0

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome
Email
Sito Web

Vuoi aggiungere il tuo banner personalizzato? Scrivici a [email protected]