COSA STA ACCADENDO CON IL CORONAVIRUS?

Pagina 1 su 3 

Cosa sta accadendo ultimamente nel nostro Paese? È una domanda che ci stiamo ponendo un po’ tutti e a cui non sappiamo darci una risposta, o quasi. Cosa sarebbe questo Coronavirus? Si sa che ogni tanto abbiamo a che fare con un nuovo tipo di virus (come se questi venissero fabbricati di tanto in tanto!) Ora abbiamo il Coronavirus, che non si sa come sia uscito fuori improvvisamente, ma sta facendo ammalare un sacco di persone in giro per il mondo. I primi casi sono apparsi in Cina, poi è arrivato anche in Italia. Prima ci dicevano che il nostro Paese era ben controllato con gli arrivi di persone dall’oriente, però è arrivato ugualmente e si è cercato di capire chi fosse stato o meno a trasmetterlo per primo. 

Ora si sta cercando di capire come poterlo contenere e trattare, poiché il numero di persone ammalate sta crescendo a dismisura. Così ci stanno chiudendo nelle nostre abitazioni, limitandoci gli spostamenti e il lavoro, e vietando l’attraversamento di alcune province. Questo per evitare che i contagiati trasmettano il virus ad altre persone. Ci vietano i contatti con gli altri, ci stanno chiudendo sempre di più e la gente sta a dir poco impazzendo. Ma vi è un virus imponente, che va a braccetto con il Coronavirus: è quello mediatico. 

I giornalisti, la tv, non fanno altro che aumentare la paura e le ossessioni della gente, incrementandoli con messaggi inquietanti e bombardandoli di notizie, che spesse volte non sono complete né vere, riducendo così il nostro modo di ragionare e la nostra lucidità. Si sa che la paura aumenta i problemi e i pensieri in noi, lo stress e le ossessioni, facendo entrare ancor meglio questa negatività in noi e nel nostro Paese come se ne fosse attirata. Dicono che la paura sia utile perché ci permette di non fare scelte sbagliate che ci costerebbero la vita, prevenendo i pericoli. 

D’altro canto c’è da dire che la paura risulta essere spesso un blocco psicologico che non ci permette di avere coraggio di fare qualcosa di importante come qualcosa che potrebbe cambiarci in positivo. È chiaro che ora le nostre elevate paure di questo periodo siano influenzate dai media, che spargono panico al fine di abbassare la nostra capacità di giudizio e di agire bene. Se invece fossimo rilassati mentalmente e informati adeguatamente, saremmo molto più riflessivi e comprenderemmo meglio il problema. Ma questa paura invece ci sta portando stress, ci sta rubando il tempo e la vita, facendo del male psicologicamente, a volte con ripercussioni anche sul fisico. 

Pagina 2 su 3

Inizialmente non avevo paura di questo virus, perché ero convinta che fosse tutto una finzione, che i casi erano inventati e che in Cina si sarebbe risolto tutto nel giro di poco. Non davo peso al problema, ma era come se qualcosa voleva che io la pensassi così. Tanti altri la pensavano come me, tant’è che continuavano a viaggiare da un Paese all’altro come avevano sempre fatto. Non avrei mai e poi mai immaginato che dopo poche settimane avrei visto un caso positivo con i miei stessi occhi.  

Dopo qualche ora ne ho visti altri due, poi altri 3. Li sto vedendo aumentare sempre di più, nel reparto ospedaliero in cui lavoro. Non posso ancora credere che tutto questo sia vero, sta accadendo tutto in modo velocissimo. Tutto cambia nel giro di poco tempo, lasciandoci impreparati nella gestione e costretti a improvvisare nuove stanze di isolamento che siano adeguate. 

La mia impressione è quella di vivere in un film o su un altro pianeta. La mole di lavoro è disumana. Siamo costretti a fare turni interi con camici o tute come quelle con cui si va sulla luna, con una maschera che ci fa mancare il respiro e ci lesiona pure la cute del viso. Indossiamo occhiali o visiere protettive contro gli schizzi, non possiamo uscire dalla stanza di isolamento per prendere una boccata d’aria o per fare pipì o berci un sorso d’acqua. Questo per non sprecare i dispositivi di protezione individuali, per paura di non averne abbastanza per i colleghi dei turni successivi, che scarseggiano in tutta Italia. Si sente la stanchezza e il respiro che manca, eppure stiamo lavorando così. I pazienti aumentano e manca il personale, quindi saltiamo i riposi, come anche le nostre ferie. 

Dobbiamo tenere duro, perché se uno di noi si dovesse ammalare, sono guai per noi operatori e per i pazienti che non avrebbero assistenza. Mi sembra di essere in terza guerra mondiale, tanto è critica questa situazione. Anche noi siamo persone, ma chi si prende cura di noi? Spesso le nostre esigenze non sono comprese da chi ci dirige e non è mai entrato in sala isolamento a lavorare. Devo dire che nonostante tutto la forza di volontà è tanta da parte di noi che ci lavoriamo a stretto contatto, cercando di migliorare ogni giorno l’assistenza e fare gruppo tra di noi, per incoraggiarci e migliorare le cure. Sono pazienti instabili, alcuni critici e altri meno, molti anziani che hanno tante altre patologie di base e che fanno più fatica a rispondere alla terapia antivirale e infatti molti decedono per questo. 

Non abbiamo nemmeno più vita sociale, ultimamente. Non possiamo vederci con le persone che amiamo, con gli amici e parenti, ancor più se sono anziani. Possiamo solo spostarci da casa a lavoro e da lavoro a casa. Speriamo vivamente che questo periodo passi in fretta.  

Pagina 3 su 3 

Tutto questo ha dell’assurdo. È troppo strano ammalarsi dal nulla, da una parte e dall’altra del mondo. Non avrebbe senso tutto questo altrimenti. Questo è un virus creato in laboratorio apposta per farci ammalare. Questo perché? Beh, magari per farci assumere la terapia antivirale, che deve essere massacrante per il fisico, e somministrarci vaccini, di cui alcuni oggigiorno contenenti chip sottocutanei.  

Svegliamoci! Siamo continuamente manipolati mentalmente (vedi i social media) e ora anche fisicamente (vedi il virus), non possiamo avere più prove di così di quello che ci stanno facendo dal dietro le quinte! E allora dovremmo andare contro di loro. Come? Innanzitutto riducendo gli ascolti dei telegiornali per distaccarsi dalle loro influenze e vivere la vita senza pensare sempre alle paure, poi cercare di stare calmi mentalmente, più positivi possibile, fiduciosi che tutto andrà bene. Se partiamo dalla base, ovvero modulando il nostro pensiero, saremo più forti e in grado di gestire tutto e risolvere tutto, perché i problemi faticheranno ad arrivare, non entreranno in noi attraverso le nostre angosce. Io con tutto ciò che ho scritto volevo solo far riflettere e raccontare la mia esperienza e punto di vista. Spero di esser stata utile. 

 

Anonimo.

 

Questo documento è di proprietà di https://significato.online/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Significato.Online. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. © 
 
17+

12 Commenti

  1. Grazie mille per la tua testimonianza e per tutto il lavoro che stai svolgendo in questo momento di grande difficoltà, hai perfettamente ragione tutte le persone che conosco si sono stranite nel vedere come il virus si è diffuso ad un tratto da un paesino del nord Italia, quando i primi casi di persone proveniente da Wuhan erano state a Roma senza creare nessuna diffusione così repentina del virus.
    Quello che possiamo fare adesso è darci forza e continuare a combattere come possiamo questa situazione senza perderci d’animo, perchè solo uniti potrà passare.
    Grazie

  2. È bello sentire la testimonianza di qualcuno che lavora in ospedale e sapere che la pensa come me, mi da una grande conferma! Grazie, in un periodo come questo abbiamo bisogno di sentire la verità da persone vere, e non da una TV, da un social o da persone pagate per parlare con il pubblico.

  3. ti ringrazio per aver condiviso la tua esperienza e le tue opinioni!!!

  4. Hai perfettamente ragione! La cosa più grave in questo periodo non è tanto il virus in sé, ma la psicosi di massa che si è generata a causa della paura per questo virus! La stessa paura che ci porta ad accettare decreti folli a causa dei quali siamo letteralmente imprigionati in casa. Oltretutto è assurdo il modo in cui vi fanno lavorare in ospedale, senza nemmeno trattarvi come persone ma come macchine! Grazie per questa testimonianza importantissima, spero che possano leggerla più persone possibili. E tieni duro, che stai facendo un ottimo lavoro!

  5. Grazie infinite per quello che stai facendo e che stanno facendo tutti coloro che stanno lavorando negli ospedali. È commovente tutto il vostro impegno, ci state insegnando molto dal vostro esempio! Grazie ❤️

  6. Grazie per queste parole, la tua testimonianza è molto importante perché lavori a stretto contatto con queste persone e ti rendi meglio conto della situazione rispetto a chi sta a casa appiccicato alla tv in preda all’ansia e ad una paura incontrollata. Le tue parole fanno capire meglio anche la situazione attuale, cosa c’è dietro alle cose, quindi senza fermarsi alla prima apparenza con cui ci vengono mostrate le cose. Grazie per il duro lavoro che stai facendo, questo è un momento difficile per chi fa il tuo mestiere, ti auguro tanta, tantissima forza. Presto finirà questa situazione. Un abbraccio!

  7. Grazie infinite per questo articolo! Con la scusa mi permetto di incollare un video qui in cui mette alla luce chiaramente tutte queste coincidenze riguardo il coronavirus, di come sia stato portato in Cina e di come da tempo si sapesse della sua esistenza! Insomma così chiaro che potrebbe capirlo persino un bambino. https://youtu.be/t_ub8R5l73

  8. Grazie di cuore per tutto il lavoro che stai facendo e per la tua bellissima testimonianza, davvero molto importante! Le tue parole mi hanno commossa e sono contenta che ci siano persone come te che rendono pubblica la verità! Tutto questo finirà presto!

  9. Grazie per questo articolo e per la tua testimonianza! E grazie per tutto ciò che state facendo, tutta la mole di lavoro di cui vi state facendo carico. Ho sentito il governo criticare aspramente noi cittadini perché “indomabili” e disobbedienti, perché proprio non vogliamo capire che non possiamo più passeggiare e uscire di casa (mi chiedo in che modo correre al parco da sola possa contribuire alla diffusione del virus) ma si è sentita una sola parola di AUTO-CRITICA per come in questi anni hanno male amministrato il nostro paese, sprecando soldi pubblici a destra e a sinistra e riducendo il sistema pubblico sanitario in questo modo. Se il virus sta facendo così tanti morti è solamente per i loro tagli alla sanità pubblica, che è il motivo per cui vi trovate vostro malgrado a lavorare in situazioni disumane! Ti ringrazio ancora per questa testimonianza.. Per quanto riguarda la nascita di questo vaccino, non ci sono dubbi che sia stato creato in laboratorio, è davvero evidente! Così come è evidente che stanno utilizzando questa messa in scena per iniziare un controllo di massa mai visto prima, mettendo le basi per un regime totalitario.
    Dobbiamo assolutamente aprire gli occhi e articoli come questo sono la dimostrazione che la vera informazione è ancora possibile! Grazie!

  10. Bellissimo questo articolo! Dal punto di vista di chi vive questa situazione faccia a faccia, la situazione è più critica di quanto pensassi. Grazie per la tua testimonianza che mette in luce la verità della situazione, le persone devono sapere che cosa si nasconde dietro a questo virus apparso così improvvisamente! Grazie!

  11. Grazie per la tua testimonianza, anch’io come prima cosa mi sono staccata dai telegiornali perché cercano (e devo dire che ci sono riusciti guardando le persone terrorizzate intorno) di abbassare fortemente l’energia di tutti con la paura. Non oso immaginare come sia dura per te e per gli altri in prima linea.

  12. Per prima cosa voglio ringraziare te e tutta la classe medica che sta sostenendo il paese e cura tutti noi anche a costo della propria vita. Io cerco di evitare i telegiornali e i vari dibattiti inutili che ci bombardano (questo li facevo già da prima perché mi ero resa conto di quanto ci manipolato es allarme caldo…allarme pioggia, tra gli esempi più stupidi.) anche a me ,nonostante le smentite, e venuto il forte dubbio che tutto questo è stato creato apposta. Grazie ancora per quello che fate per noi.

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome
Email
Sito Web

Vuoi aggiungere il tuo banner personalizzato? Scrivici a [email protected]