Vuoi smettere di fumare? Allora impara ad ascoltarti dentro

Pagina 1 di 2

Salve a voi lettori del fantastico sito Significato.Online, voglio condividere con voi una profonda esperienza vissuta negli anni dell’adolescenza. Io in passato ero molto timido, non amavo giocare con altre persone o parlarci, a meno che non fossero amici dei quali fidarsi, poiché spesso mi ritrovavo pugnalato da persone che consideravo amiche; ringrazio il fatto di non essere mai caduto per questo.

Voglio raccontarvi una potenziale esperienza che solo chi ha vissuto o sta vivendo può capire, ma questo non toglie il fatto che tutti possiate leggerla, capirla e studiarla. 

Partiamo dagli anni del liceo; il triennio, famigerato percorso scolastico durante il quale gli studenti si preparano ad affrontare la prova della vita: l’esame di maturità. Penso però che esista una bestia più potente di questa, che ti può buttare giù da un momento all’altro e ti consiglia di seguire strade senza luminosità; la dipendenza dal fumo. 

Premetto che sono stato colpito anche io da questo programma altamente manipolatore e buio, ma ho saputo affrontarlo e per questo vorrei parlarne con tutti voi per farvi capire cosa e chi ci spinge a fare queste idiozie. Ero alla fine del terzo anno di liceo, periodo primaverile, verso aprile/maggio, ormai non c’era più quella pressione assidua che gli insegnanti pongono sui ragazzi riguardo lo studio, ma c’era una cosa peggiore, le uscite coi vari gruppi di amici, il passare del tempo con i compagni di classe ed altro. 

Vi domanderete: perché dovrebbe essere così brutto uscire con gli amici? Bene ve lo dico subito; basta non averne! Ricordo che in classe avevo pochissimi amici, ma qualcosa nella testa mi diceva che sarei potuto andare oltre questa cerchia ristretta provando a partecipare di più alle conversazioni tra ragazzi, provando a fare qualcosa che non è mai bello da fare ma che tutti fanno; ecco come sono caduto nella trappola del fumo. Un giorno, uscii dalla classe per andare al bagno e trovai due compagni di classe mentre stavano consumando la loro “merenda per il cervello” e mi invitarono a provare, a fare il classico tiro che poi avrebbe portato all’ingresso del tunnel oscuro; la voglia era alta, mi sentivo potente nell’andare contro le regole e provai. Il giorno dopo decisi di andare dritto al punto, così presi un accendino ed un pacchetto da 10 sigarette. Continuai per mesi, ma si sentiva che la situazione non era adatta a me, anche perché non appena qualcuno mi chiedeva di prestargliene una, non mi facevo problemi come gli altri, e questo mi fece fare una cosa del tutto “fuori dal normale”. Alternai il periodo di fumo con il periodo di salute e feci 6 mesi di fumo ed altri 6 mesi durante i quali eliminavo tutto il catrame e la nicotina dal corpo; ma avevo ormai perso una bella fetta di salute irrecuperabile, secondo il me di quel momento. Decisi allora di provare a fare delle pause, ma mi sentivo accettato nella cerchia. Iniziarono i problemi respiratori, il cuore era percorso da improponibili fitte ogni giorno che quasi mi facevano piegare a terra, ma con testardaggine andai avanti e proseguii fino ad un certo punto, quando sentii la stanchezza fisica, la resistenza agli sforzi diminuire, problemi infiammatori alla gola, alle corde vocali ed infine alla testa! 

La mente in quel momento di relax sembrava a suo agio, ma Io no. Dentro di me sentivo voci contrastanti che dicevano “smettila ti stai facendo male! No continua perché così sarai accettato da tutti!” Non sapevo più cosa decidere fin quando una sera, intenzionato ad uscire per andare  a fare una passeggiata e giocare a Pokemon go (in quei mesi era il gioco più usato del mondo), trovai nella tasca del giubbino estivo il pacchetto di sigarette abbandonato, c’erano ancora due sigarette dentro, non avevo l’accendino né la voglia di fumare, così presi il pacchetto, lo guardai con aria di vendetta, lo accartocciai buttandogli addosso tutta la rabbia che avevo in corpo e lo lasciai cadere per terra; di colpo mi sentii privare di un macigno in testa, ero finalmente riuscito a prendere la decisione più forte della mia vita! 

Pagina 2 di 2

Da quel giorno capii che con la forza di volontà e l’intenzione chiara e fluida possiamo superare TUTTO, anche le dipendenze, come in questo caso. Ammetto che la fase adolescenziale ha moltissimi programmi manipolati al suo interno, ma nulla è impossibile e potrebbe capitare anche a voi di ritrovarvi il pacchetto di sigarette, la bottiglia di vodka o la bustina di erba in casa o nei vostri giubbini e tasche, ma solo alcuni saranno così forti da andare oltre il programma e buttare a terra ciò che stava per buttargli a terra l’intera vita; siamo Anime che stanno compiendo esperienze è vero, ma ciò non significa che autodistruggersi sia una bella cosa da fare, soprattutto se provocata con le proprie mani. 

Sono consapevole che oggi esistono metodi per evitare di sentire l’astinenza da fumo, da medicinali (perché anche questa è droga), da erba, le sigarette elettroniche e gli spray per ridurre la voglia di fumare, ma non daranno mai i benefici promessi, perché se non si agisce per conto proprio, con la propria forza, neanche il medicinale più potente del mondo potrà liberarvi da questi massi così pesanti. Dovete decidere voi cosa fare, io sono riuscito a superare la dipendenza, il famoso “tunnel senza uscita” eppure non sono chissà quale mago, sono solo un’anima che ha compreso che oltre queste dipendenze materiali, esiste qualcosa di più profondo da rispettare; la propria Vita! Vi invito a riflettere su queste parole, ma anche a decidere finalmente di buttare queste armi mortali per il corpo ed iniziare a lavorare su voi stessi nel profondo, dove risiede quell’istinto, quella voce che vi ha guidati fino a qui. Spero che la lettura sia stata fluida e semplice, mi farà piacere ascoltare le vostre opinioni a riguardo. Buon Percorso!

Kristian

 

Questo documento è di proprietà di https://significato.online/. Tutti i diritti sono riservati, è vietata qualsiasi utilizzazione non autorizzata, totale o parziale, dei contenuti inseriti nel presente portale, ivi inclusa la memorizzazione, riproduzione, rielaborazione, diffusione o distribuzione dei contenuti stessi mediante qualunque piattaforma tecnologica, supporto o rete telematica, senza previa autorizzazione scritta da parte di Significato.online. Ogni violazione verrà perseguita per vie legali. ©
13+

Vuoi aggiungere il tuo banner personalizzato? Scrivici a [email protected]

2 Commenti

  1. Grande Kristian la tua esperienza sia di aiuto a tanti ragazzi che hanno problemi.

  2. Bell’articolo, di facile comprensione, che potrà essere d’aiuto verso chi ha a che fare col “problema” descritto. Problema fra virgolette, in quanto, come penso e come ho capito anche leggendo l’articolo, è facilmente superabile con la proprio forza di volontà! Certo, bisogna prima arrivare ad avere questa forza ma basta volerlo e chiunque può tranquillamente evitare, o liberarsi da questo, appunto..”problema” 🙂

Aggiungi un Commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Commento *

Nome
Email
Sito Web